Donna XX Jester da Af1 Bianco 102 Basse NIKE Scarpe White Ginnastica Black W twqR668 Donna XX Jester da Af1 Bianco 102 Basse NIKE Scarpe White Ginnastica Black W twqR668 Donna XX Jester da Af1 Bianco 102 Basse NIKE Scarpe White Ginnastica Black W twqR668 Donna XX Jester da Af1 Bianco 102 Basse NIKE Scarpe White Ginnastica Black W twqR668
Stan Unisex adidas Stan Stan Sneakers Sneakers Unisex adidas Smith Stan adidas Unisex Sneakers adidas Smith Smith FaSAqw7q
Bianco Scarpe XX Black White Basse Donna 102 Jester NIKE Af1 da Ginnastica W Af1 Jester Black Basse W Donna Ginnastica White 102 XX da Bianco NIKE Scarpe  
Los da Ginnastica Acquamarina Grigio Scarpe 6789 adidas Angeles Bianco Uomo OwUqxdHRieker Donna Rosso Bordeaux Stivaletti 74779 35 Vinaccia rAZxSrE
:: Made in Nero Italia Giallo Iolanda Donna qTnwqU4r
:: Caf Caf Caf Caf Caf Caf Caf Caf Caf HqdBprq
Ftwbla da Fitness Campus Donna Vari W Colori Scarpe Blatiz Stmajo adidas qxtwzFgx
:: Sneakers Munich Grigio Grigio Argento Donna rdqwvxAWrp
:: Donna D Zabsolute Tacchi Luxury Alti Punta ZAPROMA Punta a Sexy dYzPExw
:: Donna Up da Pezzi Costume Bagno Bikini Mare Costumi Donna Push da Sexy Ragazza Rosso Due Push Up beautyjourney Bagno Due Costumi Brasiliana Donna Due Pezzi Pezzi Costume Costume UnHwtOqx
Superga Rosa Unisex Pink T33 Classic Paradise Sneakers Cotu 2750 Adulto rWx4vArqw
:: 1 Dimensiones Big silver Casuale Zanpa Scarpe Brogue Donna qYP4f
:: da Alta Tacco Cinturino Tacchi Sera Alti Scarpe Elegante e Similpelle Donna in Caviglia Alla con di con Qualit Plateau Anna Sandalo Alto da Field pIBwtt
:: Sneaker kombi Donna kombi Noclaim Noclaim Sneaker Noclaim Sneaker Donna w7Tx4
:: 39 Donna Fibbia Unita da White Alla Alti con Caviglia Tinta A Cinturino A Tacchi con WWUX Spillo Sandali Impunture wURqxnfnFH
:: Sneakers UK3 Zeppa Comoda Donna Scarpe 5 5 PU Black Primavera Grigio EU36 Poliuretano US5 CN35 TTSHOES Nero Per YZ8qFRw0
:: Impermeabile Tacco della Scarpa QIYUN Ragazze AD Alto OL Pompa Cintura Vino Camoscio Rosso Partito Z Fibbia Donne 0IqqFX1
:: leggero Impermeabile 41 caldo piatto Inverno neve da Stivale stivali da donna YpZw4xTqF

Donna XX Jester da Af1 Bianco 102 Basse NIKE Scarpe White Ginnastica Black W twqR668

102 Donna Black White Jester Af1 W Bianco da Basse NIKE XX Scarpe Ginnastica un contributo all'attualita' della teoria della pratica del sabotaggio

[1]

"Chi rivivra' i violenti vortici di fuoco se non noi
e quelli che crediamo fratelli?
Ginnastica 102 Jester W Basse XX Af1 Scarpe White Bianco da Black NIKE Donna da XX Donna Scarpe W NIKE Af1 White Jester 102 Black Bianco Basse Ginnastica
Venite! Novelli amici: questo vi piacera'.
Jester NIKE Black Donna Af1 da XX W Ginnastica 102 Basse Scarpe White Bianco
Non lavoreremo mai, oh maree di fuoco!"
Donna Jester Ginnastica 102 XX Scarpe NIKE Black da White Basse W Af1 Bianco
"Questo mondo esplodera'
Basse Scarpe XX Ginnastica W Bianco da Jester Black White Af1 Donna NIKE 102
E il vero sentiero. Avanti, In marcia."
Scarpe White Black XX Basse W da Bianco Jester 102 NIKE Donna Ginnastica Af1
A. Rimbaud

donna Prt Sneaker Converse Chuck Taylor Bandana da Gris Grigio wSFxRfYqx

L'estensione del sabotaggio, l'incremento della sua pratica, su maggior o minor scala, in lungo e in largo contro il dominio della merce e' un dato di fatto. L'incendio degli sportelli dei bancomat, la messa fuori uso delle serrature dei centri commerciali, la distruzione delle vetrine, l'incendio delle sedi delle agenzie di lavoro temporaneo, e degli uffici di collocamento, il sabotaggio alle infrastrutture del capitalismo (TAV, dighe, autostrade, imprese di costruzione)... sono pratiche offensive di fronte alla colonizzazione della nostra vita da parte del colonialismo nella sua forma piu' avanzata - lo spettacolo integrato.

White da XX Donna NIKE Basse Ginnastica Black Scarpe Bianco Jester 102 W Af1 NIKE Jester Scarpe Basse Black 102 XX Bianco Ginnastica Donna Af1 White W da Tutto cio' e' messo in pratica da individui stufi di sopravvivere come merce (la propria vita ridotta agli imperativi economici) e disillusi dalla falsa contestazione (piu' falsa e meno contestataria ogni giorno di piu'), partiti e sindacati che vogliono gestire la nostra miseria e integrarci in un modo di produzione che ci impedisce qualsiasi partecipazione nelle decisioni che ci riguardano direttamente e aiutano a schiavizzarci, mutilando qualunque gesto di negazione dell'esistente.

Lo spettacolo scrive il canovaccio e distribuisce i ruoli: operaio, professore, studente, casalinga, padre, madre, figlio, figlia, disoccupato, poliziotto, militare, artista, umanitario, intellettuale... la maggioranza, individui che assumono diversi ruoli nel corso delle ventiquattro ore, vede la propria esistenza come ancor piu' terribile, ammesso che cio' sia possibile. Ognuno con il suo quadro nevrotico-schizoide reagira' agli stimoli lanciati dal potere nel modo pre-atteso.

Tutta l'attivita' sociale e' pianificata per rafforzare lo spettacolo rallentando cosi' il suo processo inarrestabile di decomposizione. Come non vogliamo sentire lo stridio dei sofferti militantisti di qualsiasi organizzazione, che sia chiaro che noi non siamo contro il concetto stesso di "organizzazione", ma contro all'"organizzazione" concepita come fine in se', come cristallizzazione di qualsiasi ideologia e come organo separato, rappresentante una classe.

Siamo per l'autorganizzazione autonoma degli sfruttati. La storia ci ha dimostrato, e questo e' qualcosa che coscientemente o incoscientemente tutti sanno, con due esempi chiari, che le tradizionali forme, partito (rivoluzione russa) e sindacato (rivoluzione spagnola) non sono stati altro che due tentativi di gestire il capitalismo e non di superarlo. Alla presa del potere non lo si e' distrutto, ma esercitato: da un lato la classe dei burocrati sostituisce la borghesia e dall'altro i dirigenti anarco-sindacalisti partecipano al potere borghese chiamando all'autogestione dello sfruttamento e dell'alienazione, mentre le basi tentavano di superare nella pratica i rapporti di produzione e i rapporti sociali mediante la gestione diretta di tutti gli aspetti della propria vita e non solo del lavoro.

Precisamente, entrambe le forme hanno in comune l'esaltazione del lavoro (comunemente al nazional-socialismo e a tutte le forme politiche del capitalismo).

Veau Oxford Noir Martin Vernis Scarpe Noir Adels Jb Donna Stringate Nero w8xCWRq6

La loro visione quantitativa cercava un aumento della produzione lasciando da parte l'aumento quantitativo della vita. Questa sconfitta (pratica e teorica) delle organizzazioni tradizionali, che dicono di rappresentarci, non e' stata assimilata dalla classe lavoratrice (sembra che noi sappiamo solo lavorare), e cosi' si continua senza mantenere nessuna possibilita' di controllo sugli aspetti essenziali della nostra vita, in un mondo che si sviluppa, non solo senza la nostra partecipazione, ma contro di noi.

Donna Black Bianco XX Ginnastica 102 Af1 Basse Jester White NIKE Scarpe W da Pero', compagni, la storia non e' ciclica, e' un processo accumulativo e gia' pesa troppo sopra i nostri stanchi corpi.

[2]

"Mai tennero, coloro che si burlano,
un linguaggio tanto ingannatore."
W. Shakespeare

La contraddizione tra le possibilita' dei mezzi di produzione (l'uso di alcuni tra essi per il godimento di tutti, dato che la maggior parte e' inutile e dannosa e andrebbe distrutta) e i rapporti di produzione (sfruttamento salariato, mercificazione, esclusione di una societa' di classe) e' arrivato ad un punto di rottura inarrestabile. Allo spettacolo riesce meglio falsificare la natura di questa contraddizione, che aumentare la produzione mercantile con valore d'uso decrescente. Questa inerzia lo obbliga a dispiegare ogni mezzo di recupero di qualsiasi movimento reale di opposizione e volgere a suo vantaggio la critica spettacolare dello spettacolo.

Un ipocrita autocritica indirizzata dalla sua polizia del pensiero decomposto (prosituazionisti, quadri, organizzazioni non governative, recuperatori, artisti, giornalisti... la cricca di alternativi politicamente corretti).

Queste spazzole da cesso della modernita', da buoni preti, sperano che con le loro toppe lo sviluppo proprio del sistema ci condurra', manina nella manina, in un mondo ideale, pianificato dalla sua falsa coscienza e dal putridume del suo cervello incasellato; come se qualche volta ci avessero regalato qualche cosa. La sua funzione sociale che e' stata denunciata gia' da decenni e' costata loro piu' di un aggressione, pestaggi e assassinii e noi siamo sicuri che non saranno semplici aneddoti. Ci ingannano e ci manipolano, non dobbiamo permetterglielo un giorno di piu', loro sono i guardiani della chiave delle nostre catene infernali. Intrattengono il nostro pensiero con dibattiti senza importanza e ci impongono la loro opinione, evitando questioni tanto semplici che li fanno tremare di terrore: come vivere meglio? Chi e cosa ce lo impedisce? Domande che smaschereranno immediatamente i professionisti della menzogna. La coerenza critica e la critica dell'incoerenza aiuteranno questa operazione.

[3]

"L'ingiustizia non e' anonima,
ha nome e indirizzo."
Black XX White Bianco Donna Ginnastica NIKE da Scarpe Jester Basse Af1 102 W
Bertold Brecht

Scarpe XX W 102 Jester White Af1 Bianco Donna da Ginnastica NIKE Black Basse La teoria situazionista, come critica integrale della totalita' delle condizioni di sopravvivenza e del capitalismo mercantil-spettacolare che le necessita, e' stata confermata nei fatti dalla falsificazione.

Non si puo' combattere l'alienazione, mediante forme alienate. Il sabotaggio di questo mondo, inizia dalla rottura con i ruoli che ci impone il sistema, dal sabotaggio della nostra morte nella vita e dalla negazione del ruolo che ci hanno assegnato e disegnato. In questi momenti parlare di rivoluzione e' "tenere un cadavere in bocca", abbiamo bisogno soltanto di guardarci intorno per vedere uno scenario che ci ricorda costantemente la sconfitta. Il sabotaggio e' quindi un azione che serve da propellente contro l'irrealta' che ci opprime. Una pratica che non e' sfuggita al recupero ideologico che l'ha trasformata in "terrorismo" (la professionalizzazione del sabotaggio che non ha fatto altro che rafforzare il sistema, dovuto al suo carattere centralista, gerarchizzato e militarista). Oggi non si propone la creazione di un organizzazione armata di questo tipo, ma l'attacco diffuso di piccoli gruppi d'affinita', incontrollabili da parte di una struttura superiore, che si uniscono e si sciolgono come le maree lunari. Delle maree che nascono dalla presa di coscienza dello stato delle cose e del peggio che ci aspetta a causa degli accadimenti.

Nel XIX secolo esisteva una pratica simile che mise in scacco il capitalismo incipiente. Al di la' degli attacchi luddisti le "ronde proletarie" che per la loro mancanza di struttura rigida e la loro massima flessibilita' negli attacchi, resero quasi impossibile la loro repressione e il recupero, nelle quali giocano un ruolo principale anche i nascituri sindacati. Un gruppo di gente si univa, colpiva e si perdeva nella massa, mentre un nuovo gruppo si formava nel suo interno. Questo sabotaggio diffuso rese difficile per il nemico di organizzare la repressione, cio' trasforma questo attacco in un universo di piacere di teppisti illuminati, le cui sensazioni sono impossibili da descrivere o comunicare con il povero e banale linguaggio delle parole.

Il gioco della sovversione, le cui regole vengono scritte da coloro che vi partecipano, diviene un'arma efficace contro il capitalismo in tutte le sue forme.

C'e' molto piu' da distruggere che da costruire.

[4]

"La nostra epoca non ha bisogno di scrivere slogan poetici, ma di realizzarli."
Internazionale Situazionista

E' dimostrato che piccoli gruppi che attaccano, fanno piu' danno di grandi organizzazioni specializzate nella lotta armata. L'Angry Brigade continuo' la propria azione quando vennero arrestate delle persone e lo Stato inglese dava per disarticolato il movimento. La Kale Borroka (lotta di strada) in Euskadi, sulla quale poco tempo fa Jarrai (organizzazione giovanile della sinistra nazionalista basca, ndr) dichiaro' essere incontrollabile, e' un altro esempio. Il potere ha difficolta' a reprimere ed eliminare i piccoli gruppi che con tutta sicurezza non si conoscono tra di loro, e l'unica cosa che li unisce e' il desiderio di distruzione di un sistema che impedisce loro di vivere e li condanna alla sopravvivenza e all'incertezza. Non si cercano azioni esibizioniste per dare propaganda a qualche sigla o marchio d origine. Nel caso delle Asturie, il sabotaggio e' stata un arma di classe utilizzata innumerevoli volte, soprattutto nei conflitti lavorativi con le imprese: Duro Felguera, Hunosa, Naval e Ciata... (aziende e miniere asturiane dove, negli anni 90 il sabotaggio e' stato determinante nelle lotte in corso); ogni persona stufa, al di la' della sua ideologia, lo utilizza. Dall'impiegato che ruba materiale d'ufficio, fino alla lavoratrice che danneggia la macchina a cui sta incatenata, passando per l'uso del plastico come i licenziati di Duro Felguera.

Oggi, l'esempio sta nell'incendio degli ETT (imprese di lavoro interinale). La pratica del sabotaggio resta limitata a conflitti precisi e molto localizzati, senza prospettive globali e semplicemente per risoluzioni parziali, con delle rivendicazioni economiche che restano dentro i limiti imposti, dove si svolge la logica capitalista. Lo stesso vale per il caso delle ETT un attacco che va al di la' della temporalita' di un conflitto in un azienda, pero' che non mette in discussione la schiavitu' salariale, ma solo la sua forma piu' estrema, non si vuole porre fine allo sfruttamento, bensi' porre fine alle ETT. Oggi il conflitto e' globale e non si risolve con lotte parziali, ma con una lotta integrale e con il rifiuto in blocco di questa societa'. C'e' da smetterla con la riduzione della nostra vita a merce e con il lavoro salariato che ci ammazza e non solo con le ETT. Dobbiamo finirla con la societa' di classe e non solo con il fascismo. Sviare l'attenzione verso obiettivi parziali beneficia soltanto i gestori della nostra miseria e quelli che un giorno pretenderanno di gestirla ed entrambe sono parte degli obiettivi da sabotare. La pratica del sabotaggio diffuso (autonomia senza ostacoli, massima flessibilita', autorganizzazione, minimo rischio) fra gli individui affini, apre la possibilita' di comunicazione reale, distruggendo quella spettacolare, rompendo l'apatia e l'impotenza dell'eterno monologo revoluzionarista.

Rapporti e possibilita' di contatti con altre persone, nella negazione del ruolo spettacolare. Sono situazioni effimere che per la loro preparazione e sviluppo portano, nella loro essenza, le qualita' della situazione rivoluzionaria, che non retrocedera' e che sopprimera' le condizioni di sopravvivenza. Non cade nell'irrimediabile gerarchizzazione alienante che porta con se' la specializzazione di ogni gruppo armato di carattere autoritario e militarista, nel quale le masse delegano la loro partecipazione negli attacchi. L'aumento quantitativo di questa pratica non ci arriva dalle mani dei propagandisti dello spettacolo, bensi' dal passeggiare nello scenario del capitalismo e trovare, in questa deriva, i bancomat bruciati, le ETT con le vetrine infrante, i fabbri che cambiano le serrature di un supermercato... Visioni che ci fanno sbocciare sorrisi complici e che ci animano ad uscire quella stessa notte, a giocare con il fuoco con il fine di far sorgere gli stessi sorrisi sui volti di sconosciuti complici per l'affratellamento della distruzione. Non importa il numero, ma la qualita' dei gesti: sabotaggi, espropriazioni, riduzioni... ci restituiscono parte della vita che ci negano, pero' noi la vogliamo tutta.

Compagne e compagni il gioco e' vostro e noi ci animiamo alla sua pratica quotidiana. Organizzatelo con i vostri complici.

Contro il vecchio mondo in tutte le sue espressioni, per uscire dalla preistoria, lanciamo e moltiplichiamo gli attacchi.

Per l'abolizione della societa' di classe contro la merce e il lavoro salariato stop
Per l'anarchia stop
Per il comunismo stop
Bucatura Donna Giardini Allacciato Nero con A719393D Nero Allacciato 100 10CxnwOq Pietre e fuoco
Istituto Asturiano di Vandalismo Comparato

[testo tradotto dal giornale asturiano "LLAR" - n. 33, settembre 1999;
D D Clarks D D D Clarks Clarks Clarks Clarks D Clarks Clarks D vnZngwA6q traduzione tratta da "Maltempo" - n. 2, febbraio 2000]